Il “Tiro a Segno”

Il “Tiro a Segno”

Facebooktwittergoogle_plus

Il tiro a segno è un’attività sportiva che consiste nel colpire un bersaglio il più vicino possibile al centro da una determinata distanza con un’arma da fuoco, ad aria compressa o a gas (CO2). Tale attività può iniziare già dai 10 anni di età, con attrezzi sportivi ad aria compressa e, dopo i 14 anni, con armi da fuoco nei calibri consentiti dalla legge.
Gli atleti, supportati dagli allenatori, o istruttori di tiro (tecnici esperti in grado di insegnare il corretto uso delle armi) svolgono la loro attività finalizzata al conseguimento di risultati sportivi di eccellenza, partecipando alle gare sezionali e federali. Il direttore di tiro è la persona che controlla le attività effettuate durante lo svolgimento delle esercitazioni e fa osservare le norme di sicurezza inerenti al maneggio delle armi. L’attività di tiro sportiva comprende le molteplici discipline di tiro e viene svolta a tutte le età, sia a livello amatoriale che agonistico. Questa disciplina è presente all’interno delle Paraolimpiadi, a fronte delle numerose disabilità, con le opportune tecnologie, gli atleti riescono a praticare questo sport con alcune limitazioni sulle armi da fuoco. Si chiama parte ludica quando,coloro i quali, appassionati di armi e di tiro, intendono praticare  senza finalità agonistiche, le specialità sono le stesse che per l’attività sportiva. Viene svolta sia con armi di proprietà del Tiro a Segno, che con armi proprie. Per poter praticare sono necessari dei certificati, quali: certificato medico di idoneità fisica (certificato attestante che l’interessato non è affetto da malattie mentali o da vizi che ne diminuiscano, anche temporaneamente, la capacità di intendere e di volere, rilasciato da un medico della A.S.L. o da un medico militare o di polizia); certificato di idoneità al maneggio delle armi. Il TSN è l’Ente certificatore preposto per legge al rilascio del certificato o dell’attestato d’idoneità al maneggio delle armi. La parte che riguarda le certificazioni, regolamentata dal D.L.66 del 15 marzo 2010, è contraddistinta dallo svolgimento di un corso per l’accertamento della capacità tecnica di tutti coloro che svolgono servizio armato presso enti pubblici o privati, o per coloro i quali richiedono una licenza di porto d’armi.

La prima società italiana di Tiro a Segno vede i suoi natali nel 1799 a Trieste, con il nome di Società del Bersaglio ed il poligono a Opicina. Risulta essere, quindi, la società sportiva più antica d’Italia. In Friuli Venezia Giulia si contano cinque sedi di Tiro a Segno: Cividale del Friuli, Pordenone, Tolmezzo, Trieste, Udine.

a cura di Maura Spiesanzotti

rssinstagram
2 gennaio, 2017|Sport meno conosciuti|

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Adsense

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.

RSS 3000sport

Articoli recenti